QR Code Business Card

Join Us on FACEBOOKVă invit să vă alăturaţi grupului Facebook Mişcarea DACIA, ce-şi propune un alt fel de a face politică!

Citiţi partea introductivă şi proiectul de Program, iar dacă vă place, veniţi cu noi !
O puteţi face clicând alături imaginea, sau acest link




Partidul DAC

Maggio 27th, 2009 12 Comments   Posted in Partidul DAC

Partidul  Dac

Prima parte

 

      Siamo arrivati al momento giusto per dar vita a un soggetto politico unico dei romeni d’Italia, per poi “allargarci” a tutti i paesi del Mondo, dove esiste ancora sangue dacico!

      Propongo l’apertura delle iscrizioni sulla lista del Comitato d’iniziativa su: http://www.realitateadinitalia.com/forum/viewtopic.php?f=4&t=1570

      Questo è un appello a tutti quelli che si vogliano impegnare per il miglioramento dello status e  dell’immagine dei romeni in Italia e nel mondo.

      Avremo necessità di avere tra noi  rappresentanti di tutti i campi della società civile.

      Un ruolo di grande peso, devono avere i giovani giornalisti, per appoggiare l’iniziativa, con o senza partecipazione diretta alla vita politica.

      Se questa iniziativa si sovrappone su qualcosa di simile, si troveranno le modalità di integrazione.

      Per avere successo, dobbiamo agire velocemente per sfruttare l’elemento sorpresa, per cui, bisogna passare parola ed arrivare al più presto a una riunione in una sede da definire ( consolare, culturale, ecc.).

      La mia proposta è di dar vita a un partito di sinistra-centro-destra , oppure di nessun colore convenzionale. Le Associazioni esistenti e future, avranno la possibilità di costituire dei nuclei di aggregazione della comunità locale, per un rapporto di reciproco vantaggio col Partito.

      Questa è una proposta aperta al dibattito e qualsiasi contributo sarà preso in considerazione.

      Il partito sarà giovane e per giovani.

      Per me chiedo il ruolo di semplice membro aderente. A un partito così, non potrei dire altro che SI e sarebbe per la prima volta nella mia vita!

     

Alla prossima!

La vera Romania

Maggio 26th, 2009 No Comments   Posted in Immagini


Per i nostri amici italiani, ma anche per noi che abbiamo nostalgia di casa

 


Tanti

Maggio 26th, 2009 10 Comments   Posted in Senza categoria

Am visat ca ma latra o catea

(Italian Version ; English Version) made by Google©

Noaptea trecuta am visat ca o catea de talie mica ( dar cu titze mari ),dadea sa ma muste. Cum eu sunt un baiat de la tara si cred in vise, m-am intors pe partea cealalta, pentru ca visul nu era de semn negativ, deoarece se termina cu un sut plasat bine, urmat de un schelalait jalnic.
Dimineata asta mi s-a comfirmat visul, cand am aruncat o privire pe blogul unei tanti.
In primul rand tin sa-i multumesc, pentru intentia de a ma publiciza, desi nu acesta este obiectivul meu. Eu nu sunt decat un biet muncitor in somaj tehnic, in apropierea pensionarii, deci prea batran sa mai sper intr-o ascensiune in orice domeniu. Daca as fi fost un astfel de personaj, as fi profitat pe 25.12.1989, cand in “calitate” de anti-comunist notoriu, am fost contactat sa intru in FSN cu functie! Nu numai ca am refuzat, dar imediat ce am priceput ce insemna FSN (vezi minerii), mi-am luat lumea in cap!
Deoarece nu am priceput cum se poate avea dreptul la replica pe site-ul lui Tanti (desi am vazut ca nu este prea “deranjata”), ii intorc serviciul si postez pe al meu.

1. In primul rand tin sa precizez ca nu mi-am tradus numele, eu avand doi nasi, unul roman si unul italian (varul meu).
2. Nu am acuzat-o pe Tanti de falimentul Forumului, fiind o cantitate neglijabila, ci am acuzat pe toti cei vinovati deoarece…(vezi postarile anterioare).
3. Ca cei ce va platesc v-au facut “cei mai tari de prin parcari”, pe mine ca roman nu ma incalzeste catusi de putin si nu consider ca era un motiv, pentru a da cu tifla tuturor celor de buna credinta.
4. Nu am cerut incheierea nici unui contract politic in Tribunal ( era o idee ironica a lui Award ) si nici macar la B.Vespa, pentru ca mi-a furat altcineva ideea.
5. Ca tanti este mai inteligenta decat mine, nu exclud, desi cand am facut ultimul test QI ( stie Tanti ce inseamna ), eram plasat deasupra valorii de 120; nu stiu daca Tanti a facut acest test; daca da, sa ne dea de stire sa ne bucuram.
6. Ca are mai multi sustinatori nu ma indoiesc, pentru ca este o fata draguta si nu este dificil de imaginat.
7. Ca are mai multa experienta politica, nu exclud tinand cont ca “azi”, spre deosebire de “ieri”, se iau Diplome pe baza unou cursuri mai rapide decat pe vremea mea.
8. Ca cer recunoasterea bisericii ortodoxe ca oficiala, mi se pare normal, tinand cont de numere, fara a pune la socoteala si pe moldoveni, rusi, ucrainieni, sarbi, etc.
9. Ca cer spatiu pe Rai, mi se pare normal, tinand cont de faptul ca alte comunitati, mult mai putin prezente pe teritoriul Italiei, il au deja.
10. Ca este necesara o campanie reparatorie pentru imaginea romanilor, cred ca Tanti este printre putinele romance (?) care o considera fabulatie. Poate ar trebui sa  ia un interviu romanului caruia i s-au incendiat doua magazine  LA ROMA,tinand cont ca este jurnalista (?).
11. Ca cineva din Italia ne poate da un ajutor substantial in mobilizarea la vot, nu vad de ce este de condamnat, cand Tanti face parte dintr-o elita  care face exact acest lucru.
12. Ca sunt un taranoi, nu ma deranjeaza, ba pot sa documentez acest lucru cu hrisoave din sec XIV. Ba mai mult, am fost chiar de la padure, din care bunicul meu a fost “dat afara”. Norocul lui ca erau 4000 de hectare si nu l-au gasit securistii Anei Pauker&co.
13. Ca ma duc in crasme, pot sa jur in fata lui Dumnezeu ca o fac sigur mai putin decat Tanti si anume numai cand nu am incotro (rareori si atunci platesc altii).
14. Ca sunt un ramolit, tanti nu poate afirma fara sa ma puna la proba ( cand sfida cere confruntare barbateasca, poate delega pe unul din sponsori ). Eu sunt de acord cu o confruntare in orice domeniu (schi, tenis, cross, fotbal, handbal, sah, bridge, matematica, fizica, socialism stiintific, poker, etc. – atentie la acest etc., tinand cont ca sunt roman, desi nu sunt decretel -).   Oricum apreciez pregatirea medicala a lui Tanti (si asta!?), dar as dori sa stiu daca imi poate impartasi experienta dumneaiei si in alte remedii si mai puternice.
15. Ca amenint nu este adevarat; in cel mai rau caz, caut sa-mi protejez conationalii, de a nu se amesteca in teme foarte sensibile, care nu-i privesc si pe care nu le cunosc.  Exista un principiu in Fizica numit al “actiunii si reactiunii”, de care Tanti ar trebui sa tina cont!
Mai pe limba lui Tanti, cand actionezi cu o forta asupra tuturor, acestia iti raspund cu o forta egala si de semn contrar. Suma vectoriala a acestor forte (cum le stie pe toate, nu cred ca trebuie sa explic termenii),  poate sa fie capabila sa darame pe orisicine! Diferenza intre noi, este ca eu stau sezut pe pamant, deci nimeni nu poate sa-mi traga scaunul. Pe urma, cu cat scaunul este mai inalt, cu atat mai rau te doare din cazatura !

Sper ca polemica sa fie constructiva si sa se opreasca aici; daca nu, sunt la dispozitie sa mergem pana unde se doreste, pentru ca dupa cum s-a vazut si remarcat, am o mare imaginatie!

Punct (din partea mea).


Forum di Milano

Maggio 25th, 2009 4 Comments   Posted in Associazioni

Forum di Milano

Una sconfitta di tutti

Dopo le prime notizie del clamoroso fallimento del Forum di Milano, sono cominciate le valanghe di commenti di soddisfazione, tipo: te l’avevo detto io!

Niente di più sbagliato, in quanto si tratta di una sconfitta di tutti, e per primo, di tutte le associazioni e partiti dei romeni d’Italia.

Se la situazione dei romeni d’Italia fosse normale, sarei il primo a chiedere ai miei connazionali di integrarsi fino alla diluizione nel mondo partitico italiano; ma volete capire che non è così ?

Non sono a conoscenza se in Italia esiste un detto simile a quello romeno: “sunt cel mai tare din parcare”, ma è proprio quello che ci ha proposto il sindaco di Roma e l’Assoforum !

Voglio che sia chiara la mia personale disponibilità ad andare a destra, ma solo se questa destra impedisce che i romeni siano presi di mira, specialmente a Roma. Ieri ho visto un nostro connazionale che ha subito due attentati incendiari, la cronaca giornaliera e strapiena di romeni malmenati, criminali inquadrati in faccia dalle telecamere nascoste delle Iene, che non sono ancora stati identificati, e potrei continuare per ore nel descrivere l’anormalità del trattamento a qui siamo sottoposti. (Come uno scherzo del destino, in questo momento la romena Angela Ghiorghiu, sta duettando con l’italiano Andrea Bocelli !)

Lo stesso trattamento lo subiamo a livello europeo.

La Comunità Europea è molto intransigente quando si parla dei diritti delle minoranze etniche in Romania, ma se ne frega altamente quando noi chiediamo lo stesso trattamento per i nostri, che hanno la sfortuna di vivere sotto terrore in Moldova, Ucraina, Serbia, Macedonia. Cosa fa la C.E. per farci riavere il nostro tesoro dalla Russia ? Niente !!!

Perché la nostra chiesa ortodossa non è riconosciuta come ufficiale in Italia?

Perché i romeni d’Italia non hanno nemmeno un minuto di trasmissione sulle reti televisive nazionali ?

Perché non abbiamo ancora il diritto di voto per corrispondenza in Romania?

Perché non si fa volantinaggio alle frontiere di stato, per spiegare ai migranti e turisti la responsabilità derivante dal loro comportamento al estero? Vogliono fare spot pubblicitari sulle reti nazionale italiane, come un riconoscimento dell’opinione già radicata, che siamo delinquenti nati !

Perché non esistono Carte d’Identità valide all’espatrio, come in Italia, per impedire la mobilità delinquenziale ?

Potrei continuare, ma mi fermo qui per dire che: TUTTO QUESTO SUCCEDE PERCHE’ NON SIAMO UNITI E PERCHE’ NON AGIAMO COME RICHIESTO DA QUESTA PROFONDA CRISI.

Eco perché si devono vergognare sia quelli che hanno promosso il Forum che quelli che l’hanno snobbato.

Io sono disposto ad aderire insieme a tutti i romeni d’Italia al Partito Identità Romena per esempio, ma questo partito è disposto a votare quelli che rispondono meglio alle nostre esigenze ?

Alla prossima !

Forum di Milano

Maggio 25th, 2009 No Comments   Posted in Associazioni

Forum di Milano

Spiegazioni di un fallimento

 

      Il Forum della Comunità Romena – Milano 2009, promosso dalla Federazione delle Associazioni Romene d’Italia, come da titolo ed intenzioni dichiarate nel invito fatto pervenire a TUTTI, voleva dare un’opportunità per unire i romeni d’Italia, sulla base di un Programma comune e migliorare l’attività delle Associazioni. Voglio evidenziare che si trattava della COMUNITA’, non solo delle Associazioni, come dimostra l’invito che ho ricevuto anch’io, che non faccio parte di nessuna Associazione o Partito.

      Mi sono recato a Milano, a spese mie, seguendo l’invito all’unità, fatto da tutti i rappresentanti istituzionali romeni ed italiani in diverse occasioni, che non sto a ricordare.

      Mi sono mosso anche per rispetto nei confronti di gente molto importante per la nostra causa, che si è mostrata interessata ad aiutarci. Sono stati presenti, oltre a quelli elencati in un post precedente, anche il Console di Milano, il senatore Badea, una rappresentante del Ministero degli Interni romeno, rappresentanti del mondo ONG arrivati aposta da Bucarest, quattro sportivi romeni di grande fama mondiale, un giovane talento della musica classica, il Presidente della Fondazione Dragan.

      Il giorno 23.05.2009 nella sala messa gentilmente a disposizione dalla Compagnia delle Opere, si trovavano una cinquantina di persone, comprese autorità, ospiti d’onore e promotori. Il giorno dopo siamo rimasti in quindici; Simona Farcas ha dovuto scusarsi al telefono con l’onorevole Rocco Buttiglione, credo uno degli artefici dell’assegnazione della sala riunioni, che possiamo immaginare come abbia reagito.

      Voglio fare in seguito le mie considerazioni:

1.      Romania tramite i suoi rappresentanti istituzionali e quelli del area ONG, hanno fatto anche troppo per far nascere una voce unitaria della Diaspora romena in Italia. Non significa che non si possa fare di più, a condizione di avere però l’interlocutore.

2.      Italia ha fatto ugualmente la sua parte nel indicarci la strada da percorrere, come dimostra l’impegno e la disponibilità di grandi cariche istituzionali. Anche loro vogliono un soggetto unico per il dialogo, in modo da risolvere le problematiche connesse alla presenza massiccia di romeni sul territorio nazionale.

3.       FARI, costituito nel 2008 col contributo sostanzioso dello stato romeno, rispondendo al quesito di creare un unico soggetto di dialogo, è naufragato clamorosamente per colpa esclusiva di quelli che, propensi a seguire solo interessi personali, snobbano il principale obiettivo della Diaspora, cioè l’unità di azione per rispondere alle richieste pervenute da tutte le parti.

4.      Probabilmente ci sono un paio di assenze motivate, anche se è difficile credere all’impegno simultaneo di TUTTI i membri del centinaio di associazioni presenti sul territorio.

5.      Propongo alle autorità romene di non prendere più in considerazione le associazioni e individui che remano contro, fino alla ricostituzione della FARI in quello che DEVE essere.

6.      Propongo la discesa in campo dei romeni per bene, anche se impegnati fuori dalle associazioni (tanto meglio), per dare un contributo vero nel superare l’attuale situazione di crisi.

 

      Aspetto proposte e contributi, non avendo io la pretesa di vedere e capire tutto. Anzi, a detta di una certa elite, sarei un sognatore che scrive sciocchezze. Si è trovato persino chi ha accusato Comunione Liberazione e la Compagnia delle Opere di essere un branco di delinquenti, pur di giustificare l’assenza al Forum. Devo dire a queste persone, le quali hanno anche la pretesa di conoscere il mondo politico e sociale d’Italia, che sono almeno ignoranti.

      Se io voglio una comunità che abbia come primo obiettivo la PULIZIA in tutti i campi, se voglio l’unità della Diaspora, se apprezzo quelli che ci tendono una mano e disprezzo quelli che ci buttano fango addosso, mi va bene essere considerato sognatore e sciocco !

      Io non faccio altro che proporre idee, per un dibattito costruttivo direzionato a migliorare le prospettive della Diaspora e della Romania. Non significa imposizione delle mie convinzioni, essendo io pronto ad allinearmi a qualsiasi progetto valido.

      Il fatto di cercare, nel mio piccolo, di dare risposte di grande respiro, è dovuto alla mancanza di iniziative da altre parti più autorevoli, che ho sempre invitato a fare un passo in avanti.

Alla prossima !